Delibera Residenzialità Psichiatrica. Intervista a Laura Onofri

Questa settimana l’intervista è a Laura Onofri, consigliera e presidentessa della Commissione Diritti e pari Opportunità del Comune di Torino. 

La regione Piemonte ha approvato da poco una delibera – D.G.R. n. 30-1517 del 3 giugno 2015 – che mette mano alla residenzialità psichiatrica regionale, apportando grandi novità e cambiamenti. 

1) Ne era a conoscenza? Se si, attraverso quali canali è stato informato?

L’ho appreso attraverso i giornali e in modo più dettagliato quando ne è stata coinvolta la IV Commissione Consiliare del Comune di Torino di cui sono Consigliera.

2) Cosa pensa nel merito dei contenuti della delibera? Dal suo punto di vista di politico quali pensa che saranno le possibili conseguenze?

Con la delibera sono individuati tutti i Gruppi appartamento come assistenziali, con la conseguenza che, a partire dal 1 gennaio 2016, il 60% della retta,  prima a carico della sanità verrà posta a carico dei pazienti e dei loro famigliari o – qualora indigenti – dell’Amministrazione Comunale. Nel caso quest’ultima non disponesse di tali risorse dovrebbero chiudere alcune strutture, causando la perdita del servizio per centinaia di pazienti psichiatrici e del lavoro per gli operatori delle strutture. Ma questo è solo una parte del problema. Da un punto di vista della salute dei cittadini, considerare l’esperienza vissuta dai gruppi appartamento  solo dal punto di vista assistenziale  e non terapeutico significa rischiare un grave peggioramento per la loro salute, perchè verrebbero a mancare o a ridursi numericamente figure importanti e assolutamente indispensabili proprio da questo punto di vista. Per esempio è  prevista  spesso la presenza di un solo operatore sulle 24 ore e ciò porterà sicuramentead una diminuzione degli interventi terapeutici e sostanzialmente ad un servizio di  “badanza”.

3) L’approvazione della D.G.R. ha portato con sé numerose polemiche, molte delle quali sono relative al come si è giunti alla sua stesura ed alla sua approvazione. Che pensiero ha al riguardo?

Partendo dalla considerazione che un riordino di tutto il sistema fosse necessario e che ci sia bisogno di un accreditamento delle strutture, credo che sarebbe stato  opportuno un coinvolgimento  ed una condivisione di tutte le parti in causa prima dell’approvazione della D.G.R.,  e mi riferisco  sia  alle associazioni  dei familiari che dei lavoratori  del settore: psicologi,  psichiatri, infermieri, sindacati, e tutte le associazioni o cooperative di Comunità  Terapeutiche. Nell’audizione fatta in Comune in seno alla IV Commissione è stato sottolineata la scarsa informazioni che tutti questi soggetti hanno avuto circa l’approvazione e i contenuti della D.G.R. Il tavolo di lavoro convocato dopo l’approvazione della D.G.R.(credo che da un punto di vista metodologico e per una effettiva condivisione dovesse essere convocato prima) spero che possa colmare il deficit non solo di informazione, ma di reale coinvolgimento di tutti gli attori che lavorano nell’ambito della psichiatria, anche se le prime dichiarazioni dei soggetti che vi hanno partecipato sono state pessimistiche.

4) Preso atto dell’approvazione della delibera, pensa che essa sia da mantenere così com’è o sia necessario introdurre cambiamenti ed integrazioni? In quest’ultimo caso quali modifiche apporterebbe?

Credo che sia necessario sospendere la D.G.R. in attesa di un più ampio confronto con le parti in causa. E’ importante  che la D.G.R. non snaturi il  senso  e i principi della legge 180 che nella nostra Città è sempre stata il punto di riferimento su cui costruire  tutta l’impalcatura dei servizi e che ha consentito di ottenere  risultati considerati eccezionali. Da questo punto non si deve tornare indietro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...