Diciamo Basta! ai bandi che sbandano: ecco perché

stop

Il CPPP e la CUB Sanità stanno organizzano un flash mob che si terrà mercoledì 1 aprile alle ore 10 presso l’ASLTO1 (Via San Secondo 29, Torino).
Questa iniziativa nasce per una serie di motivazioni ben precise, esposte nel comunicato ufficiale che riportiamo di seguito:

Di recente all’ASLTO1 un concorso è stato vinto da una psicologa consulente alla figlia del direttore del personale di quella stessa ASL.
L’attuale scandalo è soltanto la punta di un iceberg ben più profondo, radicato nell’intero Paese.
In sanità (e non solo!) sono la norma bandi ad personam, candidati pro-forma, richieste di requisiti di dubbio valore scientifico ma efficaci nell’individuare il candidato designato, regole e deroghe alle stesse regole concordate. Così come è ‘normale’ non far circolare le informazioni e non effettuare i controlli previsti, alla faccia della trasparenza e dei vari Comitati Consultivi Zonali e Regionali che, sotto la guida dell’assessore alla Sanità, dovrebbero garantire “la corretta ed uniforme interpretazione ed applicazione delle norme” (art.25 ACN professionisti psicologi).
Questa volta l’assessore Saitta si è messo di traverso, forse per dimostrare che il suo governo è diverso dai precedenti.
Noi psicologi del CPPP e della CUB siamo qui oggi perché non ci rassegniamo a questo stato di cose e rivendichiamo il diritto a procedure di selezione più eque e trasparenti.
In Piemonte, 593 psicologi attendono in lista di essere assunti nelle ASL, mentre altri 5.500 si arrabattano come possono, la maggior parte dei quali senza alcuna possibilità di un lavoro stabile e/o corrispondente alla loro qualifica.
La psicologia nelle ASL sta morendo: gli psicologi dipendenti sono ormai una razza in via di estinzione poiché, a causa del blocco del turn over, chi va in pensione o muore non viene sostituito. Si fa fronte all’emergenza con incarichi di varia natura: borse di studio, consulenze, convenzionamenti a tempo determinato e più raramente indeterminato, acquisto di attività psicologica tramite cooperative sotto la voce beni e servizi, finanziamenti di progetti vari e convenzioni con Enti e Associazioni; ma è soprattutto la grande massa di lavoro gratuito fornito da tirocinanti non retribuiti e dalla svendita della professione nella forma di volontariato a fornire molto del servizio psicologico erogato dalle ASL, nella completa ignoranza da parte dell’utenza.
La scarsità, la frammentazione, la precarietà e la mancanza di continuità dei nostri incarichi come convenzionati; lo sfruttamento del nostro bisogno formativo come tirocinanti per sopperire a bisogni aziendali non più coperti dal budget; l’incentivazione di pratiche clientelari o di atteggiamenti servilistici e di autosfruttamento come la mala pratica del volontariato non favoriscono di certo la qualità dei Servizi.
Ci siamo resi conto che non possiamo più aspettarci tutela da chi trova così abilmente modi per aggirare le norme che esistono proprio in nome di tale principio, per questo oggi siamo qui a dire a gran voce che non ci stiamo, che chiediamo una presa in carico del problema nella sua globalità e che ci stiamo attivando in prima persona per raccogliere segnalazioni di bandi, incarichi, consulenze ‘sospetti’ quando non chiaramente pilotati per chiederne conto alle Dirigenze ASL e all’Assessorato.
CPPP – COORDINAMENTO PSICOLOGI PSICOTERAPEUTI PIEMONTESI
CUB – CONFEDERAZIONE UNITARIA DI BASE – SANITÀ
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...